contatore accessi gratis Pagina Iniziale - dBlog piattaforma CMS Open Source per Blog

 

 
\\ Pagina Iniziale
Benvenuto su BMSI - il Blog Minimalista Senza Intenzioni -

LinkBMSI
 
18/03/2016 - Esercizi e Lezioni scolastiche online GRATUITE - Esercitazioni scolastiche di tutte le materie GRATIS
18/03/2012 - Geometra in Pavia e Provincia - Geometri a Pavia
10/11/2011 - Vacanze in Sicilia - Vacanze in Sicilia

WebBMSI
 
Di Apocalix (del 19/03/2016 @ 10:45:09, in News da Web, linkato 274 volte)

E' di questi giorni la notizia riportata dal Wall Street Journal che BAIDU, il motore di ricerca cinese, vuole portare la sue auto a guida autonoma sulle strade americane per accelerare i test di questi veicoli con l’obiettivo di arrivare alla loro commercializzazione entro il 2018.

Basta cercare sul web e si capisce come si stia sviluppando una vera e propria corsa alla realizzazione di una automobile AUTONOMA (a guida robotica, priva di autista).


Potete leggere i dettagli di questa news qui, visto che e' stata rilanciata da molti quotidiani.

Vorrei tralasciare l'aspetto tecnico e portarvi a considerare invece l'aspetto sociale di una simile innovazione.
Avete mai pensato, ad esempio, che i vostri figli, anche minorenni, potranno andare a scuola da soli in auto ? Oppure la maggiore autonomia che potra' acquisire un disabile disponendo di un autista personale che potra' condurlo ovunque voglia ?
Ed anche la possibilita' di non dover necessariamente possedere un auto (si dovranno sviluppare servizi taxi a costi minimi) o anche di un nuovo e piu' amopio concetto di car-sharing in cui si potra' condividere il mezzo con altri e chiamarlo via app telefonica quando serve...
Insomma si aprono scenari nuovi ed inesplorati.

Ma ho ancora diverse perplessita' sugli aspetti legali: chi sara' ritenuto responsabile di un eventuale incidente ? Il proprietario? il produttore? il programmatore ?
E soprattutto, siamo davvero pronti ad affidarci completamente ad una macchina? Voglio dire che gia' oggi ci mettiamo nelle mani della voce anonima del nostro navigatore, ma abbiamo sempre la liberta' di NON seguirne le istruzioni qualora lo volessimo o lo ritenessimo piu' sicuro... mentre domani dovremo fidarci e non avremo possibilita' di intervenire sulle decisioni gia' prese dal nostro veicolo... oppure no ?

 
Di Apocalix (del 19/03/2016 @ 08:41:59, in News da Web, linkato 210 volte)

(ANSA) - ROMA, 16 MAR - I robot sono già tra noi. In Italia sono 155 ogni 10 mila addetti "umani" e portano il Paese al secondo posto in Europa per la robotica ed fra le prime dieci nazioni al mondo per tasso di robotizzazione. Sono i dati con cui si apre il Robot Forum di Parma.

L'importanza della robotica sta nel suo forte impatto sulla capacità dell'Europa di mantenere ed espandere un settore manifatturiero competitivo con milioni di posti di lavoro connessi in gioco. La Robotica offre anche nuove soluzioni alle sfide sociali dall'invecchiamento per la salute, trasporti intelligenti, la sicurezza, l'energia e l'ambiente.

Perché finanziare la ricerca e l'innovazione in robotica ?

Ecco le motivazioni della Comunita' Europea:

  • Essenziale per la produttività e la competitività
  • Reindustrializzazione, invecchiamento della forza lavoro
  • Essenziale per affrontare le sfide della società
  • Salute, invecchiamento della popolazione, l'ambiente, la sicurezza
  • Crescita potenziale
  • mercati dei servizi
  • crescita a doppia cifra sistemi autonomi, trasformando ICT



La robotica è un mercato in rapida via di sviluppo sempre più trainata dallo sviluppo di nuovi e migliori prodotti in settori diversi come la produzione, ricerca e soccorso e il recupero, ispezione e controllo, la chirurgia e l'assistenza sanitaria, case e automobili, dei trasporti e della logistica, l'agricoltura, e molti altri.
Il rapido aumento dell'uso di robot nelle nostre case e sul posto di lavoro, negli ospedali e ambienti industriali, fornisce una visione ispiratrice su come possa beneficiarne la società nel suo complesso. Priorità della robotica dovrebbe essere definita a questo punto della loro evoluzione, lo sviluppo massimale del potenziale di crescita, l'occupazione e l'innovazione in Europa.

Attraverso un portafoglio di oltre centoventi progetti di ricerca e azioni di coordinamento, la Commissione europea ha progressivamente costruito una solida base di condivisione delle conoscenze e di cooperazione attraverso l'intera comunità della robotica. Questa base include ora un privato-partenariato pubblico sulla robotica chiamata SPARC.

Questo lavoro è svolto in stretta collaborazione con la comunità robotica, compresi i programmi degli Stati membri, l'industria, le università e gli istituti di ricerca.

La robotica è forse una delle tecnologie attualmente più controverse. Il prolifico tasso di sviluppo che contraddistingue l'industria robotica induce molti a speculare sulla vera natura dell'impatto dei robot e il loro futuro sviluppo.

La robotica è penetrata praticamente in ogni settore conosciuto dall'uomo. Con la loro rapida incursione, i robot hanno avuto un enorme impatto su qualsiasi ambito nel quale siano intervenuti, ma la profondità del loro contributo, sia sotto il profilo economico che sociale, deve ancora essere valutata al fine di garantire un futuro all'insegna di una continua evoluzione e fattibilità ed elaborare una tabella di marcia paneuropea per lo sviluppo dei robot.

Il progetto "Pro-Robot"finanziato dalla CE ha cercato di determinare se lo sviluppo della robotica sia economicamente fattibile e vantaggioso per la società, poiché è assodato che dal punto di vista tecnico è fattibile e valorizzabile.
A tal fine, i partecipanti al progetto hanno analizzato dapprima l'attuale stato di sviluppo in Europa, effettuando una previsione su tutti i settori tecnici nei quali la robotica potrebbe svolgere un ruolo significativo, e in seguito hanno valutato la natura degli ostacoli e delle minacce. Tuttavia, l'ampio spettro d'analisi del progetto ha incluso anche lo studio della natura delle strategie di supporto e delle priorità relative agli aspetti tecnici e finanziari.
Nel complesso, lo studio si è concluso su una nota positiva, indicando che in futuro la robotica umanoide proseguirà nella sua vasta gamma di attività e che l'industria dell'entertainment è destinata ad una grande svolta. Lo studio ha previsto che il settore della robotica continuerà a crescere lentamente ma costantemente. Tuttavia, è emerso che molti mercati sono ancora alla ricerca di fertili terreni di crescita. PRO-ROBOT Report Summary


Siamo di fronte ad una nuova rivoluzione industriale o forse, meglio, al completamento della rivoluzione industriale: oggi piu' che mai le macchine sostituiranno il lavoro "umano", come temevano i nostri predecessori di fine '800 e come hanno iniziato a vedere in fabbrica i nostri genitori negli anni del boom economico... Ma stavolta non ci si limitera' al mondo del lavoro come lo conosciamo. Infatti i robot non sono solo "lavoratori" come ci si aspetterebbe dall'etimologia del loro nome ("robota"=lavoro pesante), ma sono sempre di piu' macchine INTELLIGENTI, presto "PENSANTI", e le macchine intelligenti possono consentire un incremento del Pil, ma avranno anche l'effetto di ridurre la domanda di persone, comprese quelle intelligenti. Perciò potremmo ritrovarci ad assistere a una società che diventa sempre più ricca, ma in cui gli incrementi di benessere vanno a favore di chi li possiede i robot.



E alla fine la Skynet, quella di Terminator, deciderà di farci fuori tutti, ma questa è un'altra storia. In ogni caso sono argomenti di discussione interessanti; e non sono nemmeno irrilevanti per quanto concerne la politica economica, considerando che gran parte del dibattito sullo Stato sociale verte su quello che dovrebbe succedere di qui a qualche decennio.

 
Di Apocalix (del 18/03/2016 @ 22:12:25, in Storia, linkato 186 volte)


La missione Voschod 2 venne lanciata il 18 marzo 1965 alle ore 07.00 UTC dal cosmodromo di Baikonur.

Già durante la prima orbita terrestre venne gonfiata, estratta e posizionata la chiusa d'aria. Leonov allora si sforzò ad entrare nella stretta camera, dalla quale successivamente venne fatta evadere tutta l'aria. La cabina con Beljaev ovviamente rimase sotto pressione. Verso le 08.30 UTC, Leonov iniziò ad uscire per passeggiare nel vuoto dello spazio.

Poco dopo Voschod 2 aveva nuovamente raggiunto la zona di ricezione delle onde radio VHF delle stazioni di controllo di volo sovietiche, tanto che una telecamera posizionata all'esterno della capsula Voschod poté trasmettere direttamente a terra le prime immagini filmate di questo storico momento dell'esplorazione umana dello spazio.

Leonov rimase all'esterno della capsula per un periodo compreso tra i dieci ed i venti minuti. Le varie indicazioni sono decisamente contraddittorie e pertanto risulta quasi impossibile determinare con esattezza la durata complessiva della passeggiata. Quando tentò di rientrare nella chiusa d'aria si dimostrò che tale azione fosse decisamente più difficile di quanto previsto. Infatti la sua tuta spaziale si era notevolmente gonfiata a causa della mancanza di contropressione dovuta al vuoto dello spazio. Pertanto Leonov fu quasi impossibilitato a muoversi e solo dopo notevoli sforzi fu in grado di azionare un'apposita valvola di scarico d'aria dall'interno della tuta spaziale. Completamente stremato riuscì a rientrare nella chiusa d'aria e la tragedia in fondo fu sfiorata di poco.


Alexei Arkhipovich Leonov

"The Earth was small, light blue, and so touchingly alone, our home that must be defended like a holy relic. The Earth was absolutely round. I believe I never knew what the word round meant until I saw Earth from space."
 
Di Apocalix (del 18/03/2016 @ 21:41:34, in Sociale, linkato 224 volte)
Notizia di questi giorni: Latte contaminato per fare formaggio...

A voi ogni commento in proposito, ma vorrei sottolineare questo aspetto: "..la Regione, considerato il perdurare della problematica aflatossine nel latte, che si sta prolungando ben oltre il teatro temporale ragionevolmente prevedibile, con la unità operativa di Veterinaria ha ritenuto di convocare già oggi nella sede della Regione Lombardia, alla presenza dell'assessore all'Agricoltura Gianni Fava, un incontro per presentare il nuovo Piano di gestione straordinaria emergenza aflatossine"

Da cui si evince che siamo in emergenza e soprattutto che qualcuno ha deciso che ci fosse un TEATRO TEMPORALE RAGIONEVOLMENTE PREVEDIBILE che abbiamo superato !!!

Per capire la gravita' di queste due affermazioni vi prego di aprire una parentesi di approfondimento su questo link (bastano le prime righe per allarmarsi opportunamente).

A questo punto quale altro commento ?

Nel frattempo, ecco l’elenco dei prodotti alimentari ritirati dal mercato europeo dall’11 al 15 gennaio 2010.. IN UNA SOLA SETTIMANA!!!
  • Aflatossine in mandorle dolci provenienteti dall’Australia
  • Aflatossine in arachidi sbucciate dall’Argentina
  • Ocratossina in peperoni secchi provenienti dal Perù
  • Organismo geneticamente modificato non autorizzato in semi di lino da Canada
  • Aflatossine in fichi secchi provenienti dalla Turchia Diossine e PCB in sardine congelate provenenti dalla Francia
  • Mercurio (in filetti di pesce spada congelato dalla Spagna pesce
  • Streptomicina non autorizzato nel miele dal Messico
  • Aflatossine in mandorle provenienti dagli Stati Uniti
  • Colorante non autorizzato Rhodamine B e Orange II in peperoncinoMancanza di etichettatura per i fichi secchi provenienti dalla Turchia
  • Aflatossine in arachidi tostate in guscio provenienti dalla Cina
  • Frammenti di vetro nella maionese dalla Polonia
  • Aflatossine in arachidi provenienti dalla Cina
  • Focolaio di infezione sospetta (da istamina) causato da tonno fresco dello Sri Lanka
  • Migrazione di cromo e nichel da pezzi ricambio robot cucina importato dalla Turchia
  • Topo morto in fagiolini congelati provenienti dal Belgio
  • Aflatossine in arachidi dall’Egitto
  • Mercurio in filetti verdesca congelati spagnoli
  • Aflatossine in nocciole sgusciate dalla Turchia
  • Aflatossine in mandorle tostate e salate importate da Stati Uniti
  • Elevata presenza di Enterobacteriaceae in semi di sesamo indianiParassitarie in carpe dalla Lituania
  • Aflatossinein arachidi da Argentina
  • Salmonella in farina di pesce dalla Lettonia
  • Aflatossine in granella di arachidi provenienti da Argentina
(SEGUE...)
Se volete approfondire meglio l'argomento e conoscere altre micotossine leggete qui
 
Di Apocalix (del 18/03/2016 @ 04:51:20, in Sociale, linkato 206 volte)

Come in molti Paesi di tradizione cattolica, la festa del papà viene festeggiata il giorno di San Giuseppe, padre di Gesù, sposo della Beata Vergine Maria, simbolo di umiltà e dedizione.
Nel Martirologio Romano, 19 marzo, n. 1:« Solennità di San Giuseppe, sposo della beata Vergine Maria: uomo giusto, nato dalla stirpe di Davide, fece da padre al Figlio di Dio Gesù Cristo, che volle essere chiamato figlio di Giuseppe ed essergli sottomesso come un figlio al padre. La Chiesa con speciale onore lo venera come patrono, posto dal Signore a custodia della sua famiglia. »

La Solennità di San Giuseppe sposo della Beata Vergine Maria, patrono della Chiesa universale è celebrata dalla Chiesa Cattolica il 19 marzo.
I primi a celebrarla furono monaci benedettini nel 1030, seguiti dai Servi di Maria nel 1324 e dai Francescani nel 1399. Venne infine promossa dagli interventi dei papi Sisto IV e Pio V, ed estesa a tutta la Chiesa nel 1621 da Gregorio XV.
Fino al 1977 il giorno in cui la Chiesa celebra San Giuseppe era considerato in Italia festivo anche agli effetti civili, ma ciò venne eliminato con la legge n. 54 del 5 marzo 1977.
In Canton Ticino, in altri cantoni della Svizzera e in alcune province della Spagna, questo giorno è festivo agli effetti civili.
In Italia sono stati presentati nel 2008 alcuni disegni di legge per il ripristino delle festività soppresse agli effetti civili: San Giuseppe, Ascensione, Corpus Domini, Santi Pietro e Paolo e il Lunedì di Pentecoste.
San Giuseppe, in quanto archetipo del padre , nella tradizione popolare protegge anche gli orfani, le giovani nubili e i più sfortunati. In accordo con ciò, in alcune zone della Sicilia, il 19 marzo è tradizione invitare i poveri a pranzo. In altre aree la festa coincide con la festa di fine inverno: come riti propiziatori, si brucia l'incolto sui campi da lavorare e sulle piazze si accendono falò da superare con un balzo.

Il dolce tipico della festa ha varianti regionali ma per lo più a base di creme e/o marmellate, con impasto simile a quelle dei bignè o dei krapfen.

Esemplare è il dolce napoletano, che prende il nome di zeppola di San Giuseppe. Secondo la tradizione, infatti, dopo la fuga in Egitto, con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera. Sono realizzate con pasta simile ai bignè, di forma schiacciata, e possono essere fritte o al forno; al di sopra viene posta di norma crema pasticcera e marmellata di amarene.

Nell'Italia del nord, invece, dolce tipico della festività è la Raviola (piccolo involucro di pasta frolla o pasta di ciambella richiuso sopra una cucchiaiata di marmellata, crema o altro ripieno, poi cotta al forno o fritta).
A Trebbo di Reno in provincia di Bologna si tiene ogni anno nella terza domenica del mese di Marzo, la Tradizionale e multicentenaria "Festa della Raviola" che prevede sia riti religiosi che manifestazioni che richiamano al paese, parenti, visitatori e turisti. Infine, in alcune regioni del centro Italia (soprattutto Toscana, Umbria e Lazio) sono diffusi dei dolcetti, sempre fritti, a base di riso cotto nel latte a cui si aggiungono a piacere vin santo, uva passa o canditi e che vengono chiamati frittelle.Dolci a base di riso, noti come zeppole di riso o crispelle di riso, sono comune anche in Sicilia.



Per chi ha la fortuna di poter vivere in Sicilia in questi giorni, ecco un CALENDARIO delle feste.
 
Di Admin (del 14/04/2012 @ 23:00:00, in Scienza, linkato 4164 volte)
Quanti conoscono le mirabolanti imprese del CIRA (Centro italiano di Ricerche Aerospaziali) compiute negli ultimi anni con il progetto USV (Unmanned Space Vehicle)?

Certo, in un paese in cui non si sa che fine abbia fatto l'informazione, dove i media seguono l'onda della falsa politica, dei pettegolezzi di giornali di terzo e quarto ordine, dove il massimo dello scoop sono le feste privee del politico di turno, mi meraviglierebbe che qualcuno sapesse a cosa mi riferisco....

Comunque:

11 aprile 2010. Ha compiuto con successo la sua seconda missione l’USV, il velivolo aerospaziale senza pilota del CIRA, il primo al mondo nel quale si è cercato di utilizzare una forma aeronautica per indagare una parte delle traiettorie di rientro dallo spazio.

Protagonista di questa missione il velivolo “Polluce”, secondo esemplare di USV realizzato dal CIRA con il contributo di importanti industrie nazionali del settore, così come il gemello “Castore”, che ha compiuto la sua missione nel febbraio 2007 (vd: http://stratocat.com.ar/fichas-e/2007/TOR-20070224.htm)

POLLUCE

CASTORE

Il lancio e' avvenuto alle ore 8:45 dall’Aeroporto di Arbatax-Tortolì in Sardegna, nei pressi del Poligono Interforze di Salto di Quirra (PISQ). La missione si e' conclusa alle ore 11:20 con l’ammaraggio dell’USV, in una zona di mare isolata e controllata dal PISQ. Il recupero del velivolo, e' avvenuto ad opera della nave Tavolara della Marina Militare.

Nelle prime ore del mattino e' stato gonfiato (con 340.000 metri cubi di elio) il pallone stratosferico che ha portato il velivolo, privo di motore, alla quota stabilita di 24 km. Successivamente, Polluce e' stato sganciato ed ha accelerato in caduta fino ad una velocità di 1,2 Mach.
La parte piu' importante della missione, ovvero la fase sperimentale vera e propria, e' durata 140 secondi durante i quali il velivolo, grazie alle tecnologie del volo e alle leggi di controllo autonome messe a punto nell’ambito del programma USV, ha compiuto una serie di operazioni estremamente complesse tra cui: una manovra di richiamata (piu' lunga rispetto a quella effettuata durante il primo lancio), una manovra a velocità costante ed assetto variabile definita 'alfa-sweep', e due virate con manovre latero-direzionali. Un’ultima manovra di richiamata ha portato al rallentamento del velivolo fino ad una velocità prossima a Mach 0,2 (circa 250 km/h), consentendo, così, l’utilizzo di un paracadute convenzionale fino all’ammaraggio.

L’esperienza operativa maturata con il primo lancio, così come l’analisi dei dati raccolti hanno consentito, dunque, non solo di realizzare un velivolo piu' avanzato rispetto al precedente, ma anche di progettare una seconda missione piu' complessa, sia dal punto di vista delle velocità da raggiungere, che delle manovre da effettuare.

I milioni di dati raccolti durante la missione saranno ora studiati e analizzati dal CIRA. Le prossime settimane consentiranno di esplorare la valenza scientifica e tecnologica della missione capitalizzando tutti i risultati raggiunti.

Obiettivo di questa missione era l’acquisizione di dati relativi al volo transonico, fase particolarmente critica e meritevole di ulteriori approfondimenti, e supersonico di un veicolo piu' affusolato degli attuali sistemi di rientro. Nei prossimi anni, si prevede di realizzare laboratori volanti ancora piu' sofisticati, per lo studio delle complesse fasi del volo ipersonico (5000-6000 km/h) in atmosfera e di rientro dallo spazio per mettere a punto alcune delle principali tecnologie e metodologie che consentiranno alle nostre industrie di sviluppare i futuri velivoli spaziali e transatmosferici in grado di ridurre notevolmente il tempo di collegamento tra diversi continenti.

La presenza a bordo di due 'passeggeri' ha rappresentato un altro elemento caratterizzante di questa seconda missione. Si tratta di due esperimenti: uno proposto da una PMI campana, Strago Ricerche, basato sull’uso di tecnologia MEMS (sistemi elettromeccanici miniaturizzati) per la misurazione delle accelerazioni caratteristiche del volo fino all’ammaraggio; l’altro, ideato da alcune scuole medie superiori della Puglia, finalizzato alla rilevazione dell’opacità dell’atmosfera collegata alla presenza di aerosol.

Al successo del programma e di questa missione hanno contribuito, oltre ai laboratori di ricerca del CIRA, le principali aziende italiane del settore in fase di progettazione e realizzazione dei velivoli, diversi enti e istituzioni, quali ENAC/ENAV, Aeronautica Militare, Marina militare, ESA, ASI, per la fase operativa. Il tutto con l’azione di coordinamento tecnico-gestionale e supervisione operativa svolta dall’Ufficio Sistemi Spaziali del CIRA guidato dal Program Manager USV, Gennaro Russo.

"Il volo di Polluce - ha detto il presidente del CIRA, Enrico Saggese - rappresenta un importante passo avanti nelle ricerche per la realizzazione di nuovi sistemi di rientro automatici che in futuro porteranno alla realizzazione di shuttle di seconda generazione, con capacità di manovra ad altissima velocità e di atterraggio completamente autonomo".
"La strategia del CIRA di investire su questo tipo di ricerche - ha aggiunto Saggese - si e' dimostrata vincente anche per le analogie con studi simili avviati dall’Agenzia Spaziale Europea per i sistemi di rientro automatici, rispetto ai quali il CIRA, con questa missione, si pone in una posizione di assoluto rilievo".

"Dopo l’esperienza di Castore, - ha detto il responsabile del Programma USV, Gennaro Russo - quella di Polluce va ad arricchire le competenze consolidate che il CIRA da circa un decennio sta accumulando nel settore dei futuri sistemi ipersonici e di rientro spaziale. Avvicinare l’aeronautica allo spazio e' l’obiettivo principe del programma USV, che punta ad utilizzare in ambito spaziale velivoli a piu' alta efficienza aerodinamica".
"Il futuro del programma - ha concluso Russo - riguarda una ulteriore missione con Polluce per poter raggiungere una velocità massima prossima a Mach 2. Nel frattempo si sta studiando un altro velivolo capace di realizzare un volo a Mach 8 (circa 10000 km/ora) che dovrebbe volare entro 3 o 4 anni".

QUANTI MILIONI DI ERUO  per arrivare a 24 Km ???
...dobbiamo anche esaltarci ?
Forse è davvero un successo, anche se non riesco a capirne la portata... ma se è così perche' i media non danno spazio a queste informazioni ? Il progetto ed i test continuano da diversi anni... e per altri anni ancora, con finanziamenti pubblici... NON SAREBBE GIUSTO CONOSCERE E CONDIVIDERE MAGGIORMENTE I SUCCESSI OLTRE CHE LE SPESE ?

Almeno gli "originali" Castore e Polluce parteciparono alla ricerca del VELLO D'ORO !

 
Di Admin (del 14/04/2012 @ 20:52:51, in Storia, linkato 5711 volte)
Notte del 15 aprile 1912, la 1 e 10 minuti.
L'inaffondabile Titanic incontra il suo destino...

Nell’Oceano Atlantico il Titanic sta affondando, dopo una violenta collisione con un gigantesco iceberg. Sul ponte, il violinista Wallace Henry Hartley e la sua orchestra suonano, così come è stato loro chiesto di fare, per distrarre i passeggeri e evitare il dilagare del panico. L’orchestra suona mentre la nave affonda. Molti passeggeri si avvicinano e ascoltano la musica tenendosi per mano. Il Titanic imbarca acqua. Sedici navi captano il suo Sos. La più vicina è la Carpathia, che pur viaggiando alla velocità massima può arrivare in quattro ore. Al Titanic ne restano due....



Alle 2 e 30 del mattino del 15 aprile 1912 è tutto finito.
Il Titanic è scomparso sotto le gelide acque dell’oceano. Tutt’intorno scialuppe, detriti e corpi sfiniti.

Alle 4 del mattino arriva la Carpathia, dopo aver percorso alla massima velocità una pericolosa rotta in mezzo a grandi iceberg.
Nelle ore successive raccoglie i superstiti a bordo delle scialuppe, poi riparte per New York, dove giunge il 18 aprile. A bordo c’è un fotografo, Francis Blackmarr, che scatta le foto alle scialuppe che si avvicinano alla nave.


Sul Titanic c’erano 2’223 passeggeri, inclusi gli 800 uomini dell’equipaggio.
I superstiti che salgono sulla Carpathia sono solamente 711.


La tragedia del Titanic segna indubbiamente la fine della Belle Epoque: due anni dopo, nel luglio 1914, l’Austria dichiara guerra alla Serbia, in seguito all’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando.
E’ l’inizio della Prima guerra mondiale, l’inizio, per l’Europa, di un lungo periodo di devastazione e sangue.


[http://it.wikipedia.org/wiki/Titanic]
 
Di Admin (del 05/04/2012 @ 21:43:47, in Scienza, linkato 3048 volte)
LA TECNOLOGIA FA PASSI AVANTI... realizzando le idee del passato !!

PISA: Marzo 2012.
Il primo esoscheletro per la servoamplificazione di forza realizzato in Italia, che per le sue caratteristiche tecniche può essere considerato il più complesso sistema robotico indossabile al mondo, è ora diventato realtà grazie al dispositivo sviluppato dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa.
Può essere applicato sia in ambito militare (il progetto è stato finanziato dal ministero della Difesa) ma anche per complesse operazioni di protezione civile.

Si tratta di uno strumento cibernetico esterno che riesce a potenziare le capacità fisiche, amplificando fino a 20 volte la forza dell'utilizzatore che lo indossa, agendo come una sorta di muscolatura artificiale. Un primo prototipo del dispositivo, denominato "body extender", è stato completato nel marzo 2009 alla Direzione generale degli armamenti terrestri del ministero della Difesa, che aveva cofinanziato il progetto della Scuola pisana per un esoscheletro indossabile destinato ad applicazioni militari, soprattutto di tipo logistico. Il "body extender" è costituito da un corpo centrale a cui sono collegati 4 arti robotici (2 braccia e 2 gambe), caratterizzato da capacità di movimento paragonabili a quelle del corpo umano. E' in grado di inseguire, incontrando la minima resistenza, i movimenti delle gambe e delle braccia dell'operatore e di amplificarne le sue forze esercitate sull'ambiente esterno.


La novità che rende unico al mondo questo dispositivo, spiegano i ricercatori pisani, "é costituito dall'elevato numero di gradi di libertà (ben 22) consentiti all'operatore e ogni grado di libertà è dotato di un sensore di posizione angolare controllato in modo indipendente dagli altri, attraverso un motore elettrico dedicato". Il dispositivo è inoltre dotato di sensori di forza collocati in corrispondenza dei punti di contatto con il corpo dell'operatore, che consentono al body extender di capire le intenzioni di movimento.
Chi lo utilizza ha estrema libertà di movimento sulle gambe e può compiere passi avanti, indietro e laterali, roteare sul posto, accovacciarsi, salire e scendere gradini. Inoltre, utilizzando entrambe le braccia robotiche, si possono sollevare esostenere carichi fino a 100 chilogrammi, anche per lunghi intervalli di tempo.

QUANTI DI VOI HANNO PENSATO AD ALIEN ? Il famoso film del 1979 di Ridley Scott ??
Troppo simile questo esoscheletro a quello indossato da  Sigourney Weaver per combatter "Il nemico" alieno?


...e se ci avessero pensato anche a Pisa ?
Perchè non credere che si siano ispirati a quelle mitiche scene del film ?

Ma spingiamoci oltre...
e se addirittura all'origine di questi tentativi di realizzazione tecnologica per il potenziamento delle capacità fisiche umane vi fossero altre influenze, un po' meno evidenti, ma più "subliminali" ?



Pensate al fatto che la generazione di questi scienziati è quella cresciuta con le immagini dei primi cartoni animati giapponesi con i protagonisti "potenziati" dalle loro armature... se ne potrebbero citare centinaia, forse migliaia:

    

Ci stiamo forse avvicinando alla realizzazione dell'ultima evoluzione di queste "invenzioni" tecnologiche?



E pensare che tra i primi c'era il buon J.JONA JAMESON nel num.25 dell' Amazing Spiderman... deciso a catturare il simpatico tessiragnatele...


I nostri scienziati copiano Rambaldi, che copiò STAN LEE che prese spunto dai Giapponesi... che copiavano l'abilità degli artigiani del loro medioevo, che continuavano a sviluppare l'antico sogno di superare i limiti della fragilità umana con le loro armature che erano molto più che un involucro protettivo: nascondevano armi e trucchi tecnologici per stupire l'avversario e superarlo nello scontro.






La storia puo' addirittura esser seguita lungo il filo di questo tipo di miglioramenti tecnologici, tutti atti a potenziare l'uomo per "vincere" contro l'uomo stesso, sia esso il proprio simile o se stesso.

Pero' nella storia si distingue almeno un tentativo differente di vincere i limiti umani, non inteso nel mero senso della forza e della potenza, quanto della LIBERTA'... raggiungere il grande sogno: IL VOLO UMANO.



...e questo scienziato era originario anche lui, guarda caso, proprio delle zone di PISA !!

 
Di Apocalix (del 24/03/2012 @ 22:17:08, in Scienza, linkato 650 volte)

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - In una frazione infinitesimale di secondo e' possibile sprigionare mille volte l'energia consumata dagli Usa. Lo ha dimostrato il laboratorio del National Ignition Facility, in California, che ha generato l'impulso laser piu' potente mai registrato, una tappa fondamentale verso la fusione nucleare. Il record e' stato battuto il 15 marzo. I 192 laser del laboratorio hanno 'sparato' all'unisono verso il centro della camera bersaglio, producendo una luce ultravioletta di 1875 milioni di Joules.

laboratorio del National Ignition Facility, in California

 
Di Apocalix (del 19/03/2012 @ 21:43:16, in Sociale, linkato 660 volte)

Per la festà del papà (19.03.2012),

Giacomo Poretti (il 'GIACOMO' del famoso trio comico ALDO-GIOVANNI-GIACOMO), ha scritto questo bellissimo post apparso sul sito della stampa, !! TANTO VERO QUANTO DIVERTENTE !!

GIACOMO PORETTI - MILANO
Fare il papà non e' facile, ci si sente strani, in imbarazzo. E poi i figli fanno domande difficili. E' più facile fare lo zio e il nonno. E' più facile fare il premier che fare il papà. Anche l'astronauta e' più facile da fare, arrivo persino a dire che e' più facile fare l'amico che fare il papà! I papà moderni e quelli di una volta sono molto diversi tra di loro, ma in una cosa si assomigliano: nel non voler togliere spazio al ruolo delle madri, consapevoli che certe cose, quali sostituzione di pannolini, preparazioni di pappe, tattiche e procedure per arginare le colichette, siano meglio svolte dalle mamme; loro, i papà, si mettono umilmente da parte. Quando nasce un figlio, in genere, per i primi anni di vita il papà non si fa molto vedere, non e' molto coinvolto nel processo di crescita e di educazione dei pargoli; nei primi due anni di vita o forse anche tre, i papà si dedicano al loro lavoro dalle 7 del mattino fino alle 21-21,30. Quando rientrano vanno a dormire fino alle 6,58 del giorno dopo. Alcuni padri vedono il loro figlio per la prima volta quando lo portano a scuola il primo giorno delle elementari. Io ho avuto un papà di una volta, di quelli antichi. Io ho avuto un solo papà, ai figli moderni ne possono capitare anche 2 o 3. I papà di adesso sono diversi da quelli di una volta, intanto quelli moderni giocano a tennis, sanno sciare, vanno in mountain bike, di mestiere fanno l'interior designer, collezionano Rolex degli Anni 50, fingono di sapere come investire il loro patrimonio, alla domenica portano la famiglia al ristorante 2 stelle Michelin dove lo chef cucina le lasagne molecolari; il pasto finisce con la nonna che si lamenta e dice che sono più buone le sue. I papà di una volta giocavano a briscola, quasi tutti lavoravano in fabbrica, dove andavano con bicicletta, e se per caso si bucava una ruota la aggiustavano loro; di soldi non ne avevano, così non sbagliavano investimenti, la domenica si mangiavano le lasagne cucinate dalla mamma e la nonna si lamentava sotto voce dicendo che le sue erano più buone. I papà moderni ti portano in vacanza due settimane in Patagonia e due settimane in barca ai Caraibi, perché ai bambini bisogna fargli fare un po' di mare e un po' di montagna. I papà moderni devono lavorare 12-14 ore al giorno per 11 mesi l'anno perché devono pagare lo skipper del catamarano e le tute anti-assideramento usate in Patagonia, perché loro, i papà moderni, in Patagonia ti portano in bassa stagione per risparmiare, solo che lì e' inverno polare. I papà di una volta il mare lo vedevano solo quando andavano a trovare i figli alla colonia marina di Pietra Ligure: due domeniche al mese; la nonna si lamentava sempre e diceva che secondo lei il mare di Pinarella di Cervia, che aveva visto in cartolina, era più bello. Il mio papà il resto della vacanza lo usava per imbiancare la casa, riparare le tapparelle e giocare a carte alla bocciofila Combattenti e Reduci; la nonna diceva che il nonno era più bravo del papà a giocare a briscola. I papà moderni lavorano tanto e regalano ai figli l'iPhone. Se i figli dei papà moderni non telefonano quattro volte al giorno, non mandano una mail, non inviano un filmato della lezione di judo e non twittano al papi prima e dopo i pasti, i papà moderni si preoccupano e vanno dallo psicologo perché non riescono ad avere un buon rapporto con i loro figli. I papà di una volta,se arrivava il vicino a dirgli che era arrivata una telefonata per loro, chiedevano preoccupati se era morta la nonna. Ai papà di una volta se gli arrivavano due telefonate in un anno erano autorizzati a vantarsi un pochino, e in mensa gli facevano un brindisi. Alla terza telefonata la nonna si lamentava e diceva che si era persa la virtù del silenzio. Quando i papà moderni accompagnano i figli alla partita di calcio del sabato pomeriggio, riescono a litigare con l'arbitro, con l'allenatore e con i papà della squadra avversaria; i sabati che il figlio perde litigano anche con il magazziniere, con il posteggiatore, con il figlio stesso e con la moglie e la nonna poi a casa. Un sabato la mia squadra ha perso il derby contro il Busto Garolfo, mio papà e' stato zitto fino a casa, poi ha trangugiato un Fernet Branca, ha acceso una nazionale senza filtro e mi ha detto: "Allenati a palleggiare e a tirare le punizioni, storia e matematica li farai la settimana prossima". I papà moderni quando un figlio torna da scuola con un 4, denunciano il professore per mobbing. I papà di una volta, se tornavi a casa con una nota da firmare, loro scrivevano sul diario "bravo prof, raddrizzi la schiena a questi invertebrati". I papà moderni portano i figli a fare magic jumping buttandosi dai ponti dell'autostrada per 250 metri, ma se devono fare le condoglianze alla vicina a cui e' morto il marito si cagano sotto. I papà moderni ti spiegano come si usano le applicazioni su iPhone tipo Shazam o iTorcia, ma non sanno che differenza c'e' tra un uovo per fare la carbonara e uno da cui nasce un pulcino. I papà moderni ti spiegano la differenza tra musica lounge, tecno e ambient, ma non sanno cantarti "Che gelida manina se la lasci riscaldar..." della Bohe'me . Mio papà, quando andava alla cena dei coscritti, tornava alticcio, come tutti i coscritti, apriva la porta di casa e attaccava l'aria del tenore. La mamma, trattenendo il riso, fingeva di essere la Mimì dell'opera e lasciava paziente che il suo Rodolfo si smarrisse tra le ottave e gli accordi irraggiungibili e si addormentasse vestito. Io e mia sorella eravamo convinti che nostro papà fosse più bravo di Mario Del Monaco. Quando poi un figlio moderno compie 16 anni, i loro papà li accompagnano in discoteca alle 23 e li vanno a prendere alle 4 del mattino con il Suv. I papà di una volta piuttosto che mandarti in discoteca si mettevano a studiare con te i verbi irregolari e il genitivo sassone. Fare i compiti insieme al papà moderno e' molto istruttivo: e' probabile che ti aiuti a comprendere le equazioni, che sappia i fiumi, i monti e la capitale delle Maldive, e che conosca la differenza tra Valentino e Dolce & Gabbana. Se facevi i compiti con i papà di una volta eri bocciato di sicuro. I papà moderni vogliono vestirsi come i loro figli, parlare come loro e vogliono diventare loro amici su Facebook. I papà moderni sono contenti quando i loro figli accettano di essergli amici su Facebook. Ho sentito la nonna borbottare e diceva che o si fa il papà o si fa l'amico. Se i figli moderni chiedono: "Papà, cosa preferisci: la pasta o il riso?", loro rispondono: dipende... Papà, ma tu voti a destra o a sinistra? Dipende... Se i figli domandano se bisogna sempre dire la verità, i papà moderni rispondono: dipende... Ma papà bisogna fermarsi per far passare i pedoni sulle strisce? Dipende... Ma papi, e' vero che fa male farsi uno spinello? Dipende... Papà, ma a te piacciono le donne vero? Dipende... Mio papà, a cui e' sempre piaciuto il risotto, mi ha insegnato cose meravigliose: a fare il presepe, a tifare per l'Inter, a fare il nodo della cravatta, a fare la barba con la lametta, ad andare in bicicletta, a bere un bicchiere di vino tutto d'un fiato, a vestirsi bene la domenica, a essere bravo nel lavoro, a cercare di avere sempre un amico, a portare un mazzo di fiori ogni tanto a tua moglie, a ricordarsi dei nonni e dei nostri morti, perché noi senza di loro non ci saremmo, perché Giacomo e' figlio di Albino il fresatore, che era figlio di Domenico il mezzadro, figlio di Adriano il ciabattino che era figlio di Giuseppe il falegname figlio di Giosue' lo stalliere... Dalla prima elementare alle terza media si fa di tutto per assomigliare e imitare il papà, dai 15 anni ai 22 non lo puoi vedere, fino ai 36 ti e' abbastanza indifferente, verso i 40 ti fa incazzare da morire perché nel frattempo lui ha superato i settanta e se in gioventù aveva il suo bel carattere adesso e' ostinato come tutti gli anziani, dai 42 in avanti riesci a capire quanto sforzo abbia fatto a studiare l'inglese con te e ne provi una tenerezza struggente. Ho cercato tutta la vita di non assomigliare a mio papà e ora invece mi accorgo di essere uguale: me ne sono accorto quando mio figlio l'altro giorno mi ha chiesto come si dice centravanti in inglese.

 Link: http://www3.lastampa.it/costume/sezioni/articolo/lstp/446811/

 
Di Apocalix (del 19/03/2012 @ 09:21:45, in Personale, linkato 872 volte)

PROTESTA per la festa del papà 19.03.2012

La protesta...


 
Di Apocalix (del 05/03/2012 @ 22:35:54, in Sociale, linkato 745 volte)

Ognuno la pensi come vuole e tutti difendano la libertà di esprimere l'opinione che non condividono battendosi perchè possa essere espressa...

Mi limito a riportare questa frase "insolita" (per i media), di questi tempi

Lucia Nunziata - in 1/2 ora

I funerali di Lucio Dalla sono uno degli esempi più forti di quello che significa essere gay in Italia: vai in chiesa, ti concedono i funerali e ti seppelliscono con il rito cattolico, basta che non dici di essere gay. È il simbolo di quello che siamo, c' è il permissivismo purché ci si volti dall' altra parte.

Lucia Annunziata, [In 1/2 ora, Raitre, 4 marzo 2012]

CONDIVIDO l'affermazione, ma non nel senso di criticare la scelta del cantautore,
bensì nell'ipocrisia bigotta della Chiesa che "finge" di non sapere e "sorvola" su un aspetto così fondamentale nella vita di un uomo (l'amore), pur di non affrontare il problema...
Mi chiedo se sia questo il modo corretto di commemorare un UOMO PROFONDAMENTE SPIRITUALE e RELIGIOSO quale ha dimostrato di essere Dalla con la sua indimenticabile arte.

Forse abbiamo perso un occasione, oltre ad un grande spirito.

 
Di Apocalix (del 02/02/2012 @ 23:05:41, in Sociale, linkato 637 volte)

MONTI docet:

"I giovani devono abituarsi all'idea che non avranno un posto fisso per tutta la vita. Del resto, diciamo la verità, che monotonia un posto fisso per tutta la vita. È più bello cambiare e avere delle sfide."

Mario Monti, 1 febbraio 2012

- NO COMMENT -

 
Di Apocalix (del 01/02/2012 @ 18:25:54, in News da web, linkato 669 volte)

Presto le tanto ambite APP ANDROID saranno disponibili anche su PC !

Grazie a BLUESTACKS, sarà presto possibile scaricare ed eseguire le APPS Android anche su PC Windows based.

Sfrutteranno le nuove APU AMD e quindi gireranno su architetture x86.

In pratica si tratta di un sistema di virtualizzazione complesso che creerà un ambiente smartphone-like.

La particolarità garantita dai nuoi processori con tecnologia Vision sarà che, a differenza di un classico software emulato, il programma permetterà di eliminare i tempi di attesa, di emulazione e di apertura dei programmi offrendo velocità, reattività e stabilità non possibili tramite la semplice emulazione

Un occhio al video: http://www.youtube.com/watch?v=Nus9-Tu_J9k
...e poi iscrivetevi come BETA-TESTER...

 

 
Di Apocalix (del 01/02/2012 @ 18:08:40, in News da web, linkato 1035 volte)

(ANSA) - GERUSALEMME, 1 FEB 2012 -
Sette indovinelli babilonesi sono stati decifrati da due ricercatori, un israeliano e un tedesco, su una tavoletta di terracotta a caratteri cuneiformi di 3.800 anni fa trovata in Iraq.

  • ''A cosa assomigliano un pesce in una vasca e un esercito schierato davanti al Re?

A un arco spezzato'' (ovvero: non si mangiano e non combattono, quindi sono inutili come un arco rotto).

  •  ''Cosa e' alto come una torre, eppure non fa ombra?"

Un raggio di sole (torre di luce che scende dal cielo, n.d.r.)''.

 
Ci sono 42 persone collegate

< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Cerca per parola chiave
 


Titolo
News da Web (7)
Personale (1)
Politica (1)
Scienza (3)
Scuola (4)
Sociale (6)
Storia (2)



Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:

Titolo

Le fotografie più cliccate

Titolo
Elezioni sindaco a ROMA - 2016

 BERTOLASO
 GIACHETTI
 MELONI
 RAGGI
 STORACE

Titolo
Ascoltare
Musica...

Leggere
Libri...

Guardare
Films...




20/11/2017 @ 04:53:39
script eseguito in 318 ms